Ti interessa?

Entra in contatto con noi

Inform Me

Invia la tua richiesta di informazioni

Call me back

Richiedi un contatto telefonico

Update me

Iscriviti alla newsletter per aggiornamenti

Tecnopolo di Ravenna: gli studenti degli istituti superiori partecipano con entusiasmo all'Open-Day dei Centri di Ricerca di Faenza


Un'esperienza unica per i ragazzi per entrare a far parte del mondo della ricerca e ampliare le prospettive per il loro futuro
Tecnopolo di Ravenna: gli studenti degli istituti superiori partecipano con entusiasmo all
Il 20 novembre scorso, nell'ambito del Festival della Cultura Tecnica, i Laboratori della Rete Alta Tecnologia hanno aperto i loro spazi ai ragazzi del Liceo Scientifico e Classico “Torricelli” di Faenza. L'evento, organizzato dal Tecnopolo di Ravenna e promosso da ASTER, è stato un'esperienza unica per i ragazzi per entrare a far parte del mondo della ricerca e conoscere e capire quali sono le attività e le principali tematiche su cui lavorano i ricercatori industriali della nostra regione.

UniBo, CertiMaC, ENEA e CNR hanno ospitato per una mattina i ragazzi all'interno dei propri laboratori, per far scoprire loro da vicino le attività di ricerca, sviluppo di materiali e applicazioni innovative per la produzione e  il recupero dei materiali, il risparmio di energia e l'ottimizzazione dei processi produttivi in un'ottica di economia circolare e sostenibilità.  

LE OPPORTUNITA' PER IL FUTURO

“I ragazzi di oggi sono quelli che poi ci ritroveremo all'Università i prossimi anni e rappresentano la nostra generazione futura ai quali noi apriamo i nostri laboratori perché già da ora inizino a toccare con mano quelli che sono gli sviluppi futuri del mondo della meccanica, dei materiali, della chimica e più in generale dell'innovazione.”
Prof. Loris Giorgini – Università di Bologna

“Tra le diverse ragioni che portano i Laboratori come i nostri ad aprire le porte ai ragazzi delle scuole, la più importante è sicuramente quella di avvicinarli al mondo del lavoro, dando dimostrazione del fatto che la ricerca e l'innovazione non siano solo qualcosa di teorico ma bensì di concreto, che nascono e si sviluppano proprio a partire dai percorsi formativi istituiti nelle scuole e nelle Università”.
Luca Laghi – CertiMaC

“Aprire i nostri Laboratori ai ragazzi delle scuole serve soprattutto a diffondere la cultura tecnica-scientifica alle nuove generazioni che saranno quelle che avranno il compito di portare avanti lo sviluppo e la crescita del nostro Paese, per poter cogliere le opportunità future e colmare il gap tecnologico che ci separa dal resto dell'Europa.”
Giuseppe Magnani – ENEA
 
 
Per vedere tutte le interviste >> Guarda il video