Ti interessa?

Entra in contatto con noi

Inform Me

Invia la tua richiesta di informazioni

Call me back

Richiedi un contatto telefonico

Update me

Iscriviti alla newsletter per aggiornamenti

Network ed esperienze di economia circolare nei porti europei


Ne parliamo al "Tavolo nazionale dell'Erosione Costiera" a Ecomondo 2020
Network ed esperienze di economia circolare nei porti europei
Ecomondo, la più grande fiera dedicata alla green economy - quest'anno in versione interamente digitale - ci vede protagonisti come esempio di buona pratica sul tema della transizione verso l'economia circolare in ambito portuale.

Una rete di porti per l'economia circolare: lo speech 

L'intervento, previsto per il 3 novembre, si inserisce nell'ambito del workshop “Gestione e riuso dei sedimenti in ambito costiero da fonti litoranee, strutture portuali, bacini artificiali e corsi d'acqua, per una crescita blu sostenibile”.

>> Leggi il programma completo

Al centro dell'intervento, l'esperienza del progetto LOOP-Ports che ha coinvolto 13 partner europei allo scopo di facilitare la transizione verso un'economia più circolare nel settore portuale, dove prodotti, materiali e risorse non sono considerati rifiuti, ma possono diventare modelli di business sostenibili e replicabili in porti con caratteristiche simili.

Il settore portuale può svolgere, infatti, un ruolo importante nella realizzazione di iniziative di Economia Circolare intervenendo come “intermediari” e punti di passaggio per diverse tipologie di rifiuti e flussi industriali, fungendo da centri logistici per l'importazione e l'esportazione di materiali di rifiuti. I porti, ospitando numerose industrie legate alla raccolta, trasporto e trattamento dei rifiuti, possono stimolare l'emergere di circoli di innovazione, passando da un ruolo di osservatore e facilitatore a un ruolo attivo, di innovatore economico, sociale e ambientale.

In questo contesto, i partner del progetto hanno lavorato in sinergia per promuovere la formazione e le nuove iniziative commerciali sia nei cluster portuali che in altri soggetti legati a questo settore, per rafforzare le capacità, le conoscenze e il potenziale di innovazione all'interno di queste realtà.

Il ruolo degli scarti industriali nell'economia circolare in ambito portuale 

Nell'ambito del progetto, CertiMaC ha messo a disposizione il suo pluriennale know-how sul riutilizzo dei rifiuti e degli scarti industriali come materie prime seconde per lo sviluppo di materiali innovativi e sostenibili destinati al settore costruzioni.

Particolare importanza in ambito portuale è stata riservata ai sedimenti marini, risorsa considerata di rilevanza strategica per la difesa delle coste dall'erosione e dagli effetti del cambiamento climatico. La gestione di queste risorse richiede una visione sempre più in chiave circolare e sostenibile, che tenda a garantire l'ottimizzazione, l'uso e il riuso di sedimenti dalle fonti più diverse, al fine di proteggere i territori più esposti ai fenomeni di erosione.

>> Sei interessato al riuso dei rifiuti e degli scarti industriali come materie prime seconde?
Contatta uno dei nostri esperti in economia circolare, saremo lieti di ascoltarti. Scrivi a: materiali@certimac.it

Non solo porti: la sfida dell'economia circolare a 360°

Energia, economia circolare, urbanizzazione, digitalizzazione e industria 4.0 sono senza dubbio i fronti aperti della portualità del prossimo futuro, ma non solo…

Ecomondo 2020 è uno sguardo sul futuro in ottica green a 360°: ambiente, energia, economia circolare, mobilità, sicurezza. Due settimane di incontri B2B, networking e seminari, dove la community della green economy può stringere relazioni all'interno di una digital platform.

>> Iscriviti gratuitamente per far entrare a parte della green community di Ecomondo: https://www.ecomondo.com/visita/Info/reserved-area/iscrizione