Ti interessa?

Entra in contatto con noi

Inform Me

Invia la tua richiesta di informazioni

Call me back

Richiedi un contatto telefonico

Update me

Iscriviti alla newsletter per aggiornamenti

Bando regione Marche efficienza energetica 2021


Finanziamento a fondo perduto di interventi innovativi di efficienza energetica e uso delle rinnovabili a favore di imprese anche sotto forma di comunità energetiche. 
Bando regione Marche efficienza energetica 2021
La regione Marche ha pubblicato il 30/07/2021 un bando per progetti di investimento in interventi innovativi di efficienza energetica e di uso delle energie rinnovabili a favore delle imprese.

Le imprese possono presentare la loro candidatura a partire dalle ore 9.00 del 15 novembre 2021.

Finalità 
Sostenere l'efficientamento energetico e l'utilizzo delle energie rinnovabili nel settore produttivo attraverso l'innovazione tecnologica.

Tipologia di contributo  
Contributo a fondo perduto in regime de minimis. L'incentivo può coprire fino al 60% delle spese ritenute ammissibili e risulta in base alla dimensione d'impresa:
  • 40% per grande impresa;
  • 50% per media impresa;
  • 60% per micro e piccola impresa.
Importo contributo massimo concedibile: euro 200.000,00; Investimento minimo ammissibile: euro 30.000,00. Dotazione bando: euro 3.000.000,00.

Chi può partecipare     
Possono presentare domanda le Micro, Piccole, Medie e Grandi Imprese anche sotto forma di comunità energetiche con sede o unità locale destinataria dell''intervento nel territorio della regione Marche. Possono presentare una sola proposta progettuale.

Interventi ammissibili 
Interventi innovativi che prevedano:

a) l'efficientamento energetico del processo produttivo (innovazione di processo – sostituzione di macchinari, impianti e linee produttive esistenti con macchinari, impianti e linee produttive ad elevata efficienza energetica (elettrica e/o termica) che prevedono l'applicazione di nuove tecnologie – interventi innovativi volti a ridurre gli sprechi di energia;

b) l'installazione, per sola finalità di autoconsumo, di impianti a fonte rinnovabile per la produzione e la distribuzione dell'energia termica e/o elettrica all'interno dell'unità produttiva e/o nell'ambito della comunità energetica; Al fine di garantire % elevate di autoconsumo, il dimensionamento degli impianti dovrà essere effettuato con riferimento ai documentati fabbisogni annuali di energia del beneficiario (riportati in diagnosi energetica e attestati dalle bollette dei consumi aziendali). Non sono ammessi interventi di installazione di impianti da fonte rinnovabile realizzati su coperture di amianto senza rifacimento della copertura;

c) l'utilizzo di sistemi per l'autoconsumo di energie rinnovabili (comprese la condivisione dell'energia rinnovabile prodotta nell'ambito della comunità energetica, sistemi di accumulo anche a supporto di impianti già esistenti e applicazione di sistemi integrati di produzione e consumo di energia rinnovabile che prevedano anche l'abbinamento con sistemi di ricarica delle auto elettriche oltre alla riconversione del parco mezzi aziendale in mezzi elettrici);

d) l'applicazione di tecnologie che producono e consentono di stoccare l'idrogeno verde e il suo utilizzo;

e) installazione di impianti di cogenerazione - trigenerazione – sistemi ausiliari della produzione;

f) installazione di sistemi di gestione e monitoraggio dell'energia;

g) interventi di ammodernamento delle cabine elettriche e installazione di gruppi di continuità (Es. ups rotanti) di adeguata potenza, atti a garantire la regolare alimentazione degli impianti al verificarsi di interruzioni o variazioni temporanee (transitorie); sono ammessi anche interventi di rifasamento e comunque, installazione di sistemi per la stabilizzazione della tensione (power quality).

Criteri di ammissibilità   

a) Progetto innovativo

progetto che si avvale di nuove tecnologie per l'efficientamento dei processi produttivi e l'utilizzo di energie rinnovabili.
Le nuove tecnologie (nuove macchine, impianti e attrezzature, informatizzazione, intelligenza artificiale ecc..), devono garantire il superamento di tecnologie obsolete con conseguente risparmio, sia in termini economici, che in termini di consumo energetico aziendale.
Ai fini della valutazione, il beneficiario dovrà illustrare, dimostrare e attestare l'innovazione sopra delineata nella relazione tecnica (allegato 4). La relazione dovrà riportare un'analisi di mercato che consenta di individuare sulla “base line” l'innovazione proposta. A titolo esemplificativo e non esaustivo, per la “base line” possono essere prese a riferimento le schede a consuntivo relative ai certificati bianchi del GSE o una valutazione del TRL Technology Readiness Level – livello di maturità tecnologica;

b) Presenza di diagnosi energetica redatta ai sensi del d.lgs. 102/2014 o certificazione ISO 50001
L'intervento, tra quelli elencati dalla diagnosi energetica, deve essere il progetto che consente all'impresa di perseguire i migliori risultati in termini di riduzione dei consumi energetici (risparmio annuo energia primaria in kWh) in relazione anche al tempo di ritorno dell'investimento e alla coerenza con la strategia d'impresa.
La diagnosi energetica potrà limitarsi alla sola unità locale interessata dall'intervento e deve essere redatta in data successiva al 31/12/2018);

c) Autoconsumo di energia rinnovabile anche sotto forma di Comunità Energetica
L'autoconsumo deve essere dimostrabile attraverso evidenze tecniche (misurazioni, calcoli e progettazione degli interventi) riportate all'interno della diagnosi energetica. In particolare, ci deve essere piena rispondenza e congruenza tra i consumi aziendali rilevati e la scelta del sistema di produzione di energia da fonte rinnovabile più idoneo ai singoli casi specifici.
L'effettivo autoconsumo dovrà, quindi, essere desunto dal progetto, dagli allegati tecnici e dalla diagnosi energetica anche in termini percentuali rispetto all'energia da fonte rinnovabile effettivamente consumata (tale percentuale non dovrà essere inferiore al 60% nel caso di comunità energetica, secondo quanto disposto dalla l.r 10/2021).
Il presente criterio può essere rispettato anche in riferimento ai sistemi di produzione di energia rinnovabile già installati;

d) Applicazione di sistemi di accumulo
 
Il criterio potrà non essere rispettato se il beneficiario dimostra un livello di autoconsumo superiore al 90%;

e) Applicazione di sistemi di gestione e di monitoraggio dell'energia;

f) Target minimo di risparmio energetico raggiunto espresso in energia primaria risparmiata su euro investito
Per il calcolo di tale target non vanno considerate le spese ammissibili relative agli interventi di cui al punto 7 lettera f) e lettera g), le spese tecniche e le spese relative alle opere edili);

g) Completezza della documentazione richiesta per la presentazione della domanda. 

Tempistiche 
Lo sportello telematico per la compilazione del Formulario on-line sarà aperto a partire dalle ore 9.00 del 15 novembre 2021, per stabilire l'ordine di arrivo delle stesse, farà fede la data e l'orario di acquisizione da parte del protocollo Paleo, a seguito della completa generazione della domanda da parte del sistema Sigef.

Lo sportello sarà chiuso a raggiungimento della dotazione finanziaria del bando, pari a euro 3.000.000,00 + una quota di riserva del 30% pari a euro 900.000,00 - che potrà essere utilizzata nel caso di valutazione di non ammissibilità di alcune domande, di non accettazione del contributo da parte dei beneficiari determinati o di eventuale successive revoca od economie.

Bando Efficienza Energetica regione Marche | COME POSSIAMO AIUTARTI
Nel suo ruolo di Organismo di Ricerca fondato da ENEA e CNR per sviluppare innovazione nell'ambito materiali, energia e ambiente, Certimac offre soluzioni e servizi per l'efficienza energetica, l'energy management e la certificazione energetica e affianca le imprese nell'accesso e nella gestione degli incentivi per l'efficienza energetica.

La divisione Energia di Certimac ha una pluriennale esperienza in ambito energetico e può aiutarti a ridurre i costi energetici e aumentare la sostenibilità ambientale della tua azienda.

I nostri specialisti possono affiancare la tua azienda in modo completo: presentazione della domanda, stesura del progetto in modo che raggiunga i creteri di ammissibilità, erogazione dei servizi indicati dal bando alla voce "interventi ammissibili", rendicontazione delle spese.

 
Contatta la divisione Servizi Energetici di Certimac. Uno dei nostri specialisti ti illustrerà nel dettaglio come presentare la domanda.

>>  Scrivi a: energia@certimac.it